7 November 2018

Controlla la tua auto e riparti alla grande!
Motore Ferrari

Il rombo dei motori, almeno per gli appassionati del settore, è musica. Difficilmente però un meccanismo poco curato può produrre quel suono armonico (davvero? Sarà…) che tanto piace agli amanti del genere.

Utile in questo caso potrebbe essere quindi sottoporre la vettura a manutenzione, ad esempio chiedendo al proprio meccanico di attuare una rettifica del motore. Già, ma di cosa si tratta?

Rettifica motore: cosa c’è da sapere?

La rettifica del motore è una pratica abbastanza diffusa tra gli automobilisti e consiste nella riparazione o nella sostituzione di alcune componenti che cominciano a perdere colpi, per così dire, inficiando il funzionamento della parte in esame e, di riflesso, del mezzo di locomozione.

La rettifica del motore diventa una prassi quando la vettura (automobile o moto poco importa) non è più fresca di concessionaria. Essa consente, almeno a chi è solito fare un po’ di manutenzione, di risparmiare una discreta somma (volete mettere comprare proprio un motore nuovo? La spesa sarà di certo superiore, notevolmente superiore) e di avere un’automobile perfettamente funzionante ancora per qualche tempo.

Sau cosa interviene il meccanico?

Partiamo dal presupposto che un motore è essenzialmente composto da cilindri e pistoni. In generale la rettifica consente di intervenire allorquando questi ultimi tendono ad ingripparsi spesso o, un bravo meccanico può accorgersene preventivamente, finiranno presto per comportarsi in questa maniera. In tali casi si procede in genere con la sostituzione o la riparazione dei due pezzi in questione.

Non è raro che il cilindro, se non rimpiazzato, venga allargato e levigato per migliorare la fluidità dei movimenti del pistone. Inoltre, soprattutto se né il cilindro né il pistone necessitano di essere sostituiti, il meccanico provvederà a pulire entrambi dalle sostanze di scarto che inevitabilmente si depositano su questi oggetti ostaolandone i movimenti e determinandone il malfunzionamento.

I vantaggi di una rettifica al motore

La rettifica al motore, come accennato poco prima, consente all’utente di risparmiare un discreto gruzzolo quando l’unica alternativa diventa sostituire il pezzo. Soprattutto se l’operazione avviene su un’auto, quest’ultima molto probabilmente sarà in grado di percorrere molti chilometri prima di accusare nuovamente problemi a carico di cilindri e pistoni.

Suggerimenti utili

Dato che, non è difficile immaginarlo, quella della rettifica motori può essere un’operazione abbastanza complessa e, se mal eseguita, potenzialmente dannosa per il mezzo di locomozione, si consiglia sempre di chiedere delle garanzie al meccanico. Tale operazione però nel corso della vita di una macchina deve essere compiuta al massimo un paio di volte.

Si consiglia poi di combinare la rettifica ad altro tipo di manutenzioni quali ad esempio la sostituzione della guarnizione della testata, la revisione del sistema di raffreddamento, e così via. Ciò perché, così facendo, potrete risparmiare sicuramente qualcosa sul costo complessivo dell’intervento dato che, procedendo in momenti diversi ad attuare entrambe le operazioni di manutenzione, dovrete pagare due volte la manodopera.

Infine ricordate che non tutti i meccanici sono in grado di effettuare una rettifica motori e che non sempre le vetture possono essere sottoposte a questo genere di trattamento.

Manutenzione

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Informativa cookie se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Informativa cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi